Lo scopo di intervenire su un immobile con una ristrutturazione è quello di prolungarne il normale ciclo di vita utile. Con una ristrutturazione parziale, l’edificio può in qualche modo essere “rigenerato”, grazie anche a nuove metodologie e tecnologie (di progettazione e costruttive).

E giacché l’Italia è un paese con patrimonio immobiliare estremamente vecchio ed “energivoro”, c’è la necessità di procedere a importanti ristrutturazioni per il recupero degli edifici esistenti.

Ma perché convengono le ristrutturazioni parziali:

  1. Gestione dei costi spalmati nel tempo

Gli interventi di ristrutturazione possono richiedere tempo e risorse, pertanto sono generalmente eseguiti solo quando è assolutamente necessario. Il vero vantaggio di una ristrutturazione parziale è il poter suddividere in più anni i costi.

  1. Non dovrete necessariamente uscire dall’immobile durante i lavori di ristrutturazione

Fare una ristrutturazione integrale e completa richiede che l’immobile venga lasciato libero completamente per poter eseguire i lavori. Immaginate poi se decideste per una demolizione con fedele ricostruzione. Facendo dei lavori parziali avreste la possibilità di non lasciare l’immobile.

  1. Potrete sfruttare più a lungo parti dell’edificio che si trovano ancora in buone condizioni

Ad esempio potrebbe essere che la facciata risulti fatiscente, mentre le tegole potrebbero trovarsi ancora in ottime condizioni. Potrebbe capitare che l’impianto di riscaldamento debba essere sostituito e le finestre durino invece ancora 20 anni prima di essere cambiate. Ci sono casi in cui qualche intervento di ristrutturazione è già stato fatto in passato. Magari avevate già cambiato la caldaia, e potreste sfruttarla ancora per qualche altro anno. Nel frattempo vi potete concentrare su altre cose ancora da fare e che sembrerebbero più urgenti.